Live report, Layne Staley Italian Tribute 2016

Un sold-out nel nome di Layne Staley, leader di una delle band che nei Novanta hanno cambiato il mondo ma troppo fragile per sopportare il peso del mondo stesso.

GUE_2023

Layne se ne andò nel 2002, chiuso in se stesso e nella propria abitazione, un essere umano abbandonato prima dal suo unico sostegno (la sua fidanzata Demri scomparsa tragicamente sei anni prima) e poi da tutti gli altri (il suo corpo fu ritrovato a due settimane dalla morte). La cosa più vicina ad un essere senziente con cui poteva sfogarsi durante i suoi ultimi giorni era il celebre riccio protagonista del videogame Sonic.

Detto questo delle splendide persone in Italia continuano a rendere omaggio a quel ragazzo che, chissà, se le distanze temporali e geografiche fossero annullabili, forse avrebbero potuto salvare. Adesso da salvare ci sono centinaia di bambini l’anno che lottano contro la leucemia e gli organizzatori del Layne Staley Italian Tribute hanno voluto devolvere i fondi raccolti dalle due serate di questa edizione alla onlus ‘Quelli che con Luca’ che si batte per la ricerca legata a questa tremenda malattia.

GUE_1619

Al Blueshouse di Milano c’è stato spazio per tutto questo declinato in musica. L’evento organizzato da Alternative Grunge Crew e sostenuto dal Layne Staley Memorial Fund ha visto alternarsi sul palco quattro eccellenti tribute band.

GUE_1300

Ad aprire la serata gli Space Needle da Bologna protagonisti di una performance da Sturm Und Drang che hanno omaggiato principalmente i Mad Season, azzeccando in pieno la dedica a Layne della sua Wake Up, ma hanno anche proposto qualcosa degli Alice In Chains (vedi Love, Hate, Love).

GUE_1552

Dai progetti di Staley si è passati al sound dei Pearl Jam riproposto dai meneghini No Habits che hanno fatto cantare gli appassionati con hit come Alive.

GUE_1996

Quindi adrenalina a mille per l’esibizione dei Poottana Play For Money, tributo a un altro genio scomparso prematuramente: Kurt Cobain. La band ha proposto alcuni pezzi dei Nirvana come Aneurysm, Breed, School, Rape Me,  About A Girl,  Come As You Are per culminare con Teen Spirit.

GUE_2072

A chiudere la serata i Love Hate Love da Pavia, tribute degli Alice In Chains, che hanno voluto ricordare Layne con brani come Angry ChairDown In A Hole, Rooster, DirtWould?.

GUE_1381

La sesta edizione del Layne Staley Italian Tribute è stata un successo: un tutto esaurito che fa ben sperare sia dal punto di vista musicale sia da quello umano (da non dimenticare la raccolta fondi per la lotta alla leucemia infantile).

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s