Michael Stipe ci ha preso gusto, apre per Patti Smith cantando Doors, Bowie, Neil Young e Boy George

stipe

Dopo l’esibizione a sorpresa per il compleanno della poetessa lo scorso dicembre, la prima volta dopo lo scioglimento dei R.E.M. nel 2011, riecco Michael Stipe aprire al Beacon Theatre (di nuovo a New York) il concerto di Patti Smith.

L’ex leader della band di Athens ha proposto delle cover niente male:  ‘Old Man’ di Neil Young, ‘People Are Strange’ dei Doors, ‘The Crying Game’ di Boy George, ‘Imagine’ di John Lennon,e il celebre pezzo di  David Bowie e Mott the Hoople’s ‘All the Young Dudes’.

Durante l’esibizione della Smith il cantante invece si è improvvisato ballerino durante ‘People Have the Power’.

Dopo la fine dei R.E.M., ricordiamo Stipe per il trascurabile duetto con Courtney Love in ‘Rio Grande’ per il progetto assurdo Son of Rogues Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs & Chanteys, per lo speech relativo all’entrata dei Nirvana nella Rock ‘n’ Roll Hall Of Fame e per essersi incazzato con Donald Trump reo di aver usato ‘It’s the End of the World as We Know It (And I Feel Fine)’ durante un comizio elettorale.

Qua sotto un assaggio di Stipe alle prese con Bowie e Morrison:

Michael Stipe! #whenyourestrange

A post shared by Laura Kaye (@laurakayemusic) on

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s